SOUND IMPRINTS LOVE

CASA MUSEO SOTTO L’ETNA 15.08.2012  

sound imprints love

Dentro una riunione osservo la natura narrare il susseguirsi del nuovo giorno, non mi fermo cammino lentamente con lei attorno.
Narranti passeggiano in una nebulosa fitta di pensieri contrastati e ignorati da un nesso comune avanzano nella comunione e proseguono lentamente verso un confine trasparente.
Sono tempi veloci, forse anche pericolosi, l’unica difesa resta e rimane la protezione dalle conseguenze dell’essere animale.
Bisogna stare cauti, non attaccare, bisogna respirare, profondamente, non ci si deve ribellare, se mai cambiare angolazione per evadere da questa prigione, non bisogna pagare nessuna pigione, si deve solo consolidare l’amore.
L’amore in un tempo di confusione resta l’unica soluzione, che ci reca protezione.

Claudio Arezzo di Trifiletti

Info su imprints

“A body in movement contains life, the testimony lies in seeing the traces of its movements, its imprints.”

There is no being that doesn’t leave its marks, and these are the testimony of his existence in this world. There is an infinite number of traditions, philosophies, religions, customs that try to divide the thinking of people on this earth. Through this project, I hope to testify to the equality of all those who tread on the sheets, that represent the Earth, the “world” on which they walk.

Claudio Arezzo di Trifiletti “Art for Peace”

Questa voce è stata pubblicata in imprints claudio arezzo di trifiletti, sound imprints love e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.