Archivio tag: contemporaneo

ask the leaves

 Prima notte, finestre aperte luce spenta, bosco intorno racconto senza tempo, prega silenzioso tarlo. Padre Max, onorato sogno medita in mezzo alle tue pietre.
Prima notte, finestre aperte luce spenta, bosco intorno racconto senza tempo, prega silenzioso tarlo. Padre Max, onorato sogno medita in mezzo alle tue pietre. Chiesa Migliandolo (Asti)
La vita inizia attraverso il suono, è tutto dentro la pittura. Il cerchio è continuità, ciclicità, espansione di un sapere, connessione di mondi, alchimia del pensiero. 2.97 (cerchi d'oro)
La vita inizia attraverso il suono, è tutto dentro la pittura. Il cerchio è continuità, ciclicità, espansione di un sapere, connessione di mondi, alchimia del pensiero. 2.97 (cerchi d’oro) La Tavola di Migliandolo
Cesare Botto Claudio Arezzo di Trifiletti
Dove il telefono non prende le ragnatele del colore accolgono luce. Cesare Botto / Antica Casa Nebiolo

Chiedetelo alle foglie. Conoscere, conoscersi, riconoscere, incontrarsi. Unirsi, concedersi, accedere al rito, condivisione, testimoniare unione, atto universale d’amore contrasta individualitá, vibra contenuto, memoria racconta, protegge.

Punto Fermo
Punto Fermo

Quando il Sacerdote è il primo a pulire, la comunione avviene nello Spirito. Chiesa San Paolo, Asti. Casa, famiglia, tempo e spazio, memoria di un bambino, fontane presenti, ghiaia racconta. Non c’è distanza di cognomi e sentimenti, a tavola si siede insieme, ci si nutre degli stessi alimenti. Zia Ada e Zio Paolo.

redemption of life, respect for the planet

Anche le formike hanno diritto al proprio cielo, mi piacerebbe sentire le campane disegnare. Magari li raccogliessero per compiacersi col seme che ha dato origine al dono, ma la bellezza è tale che suscita invidia a cuor leggero. Accumulano preziose bottiglie di birra, rivoluzionari della Domenica riflettono sul tabacco trinciato. Il vetro è prezioso, società, civiltà, parole sprovviste di contenuto. Contemporaneo riflette sul dono, traduce una storia che riporta memoria. Arruolamento causa, casa, pianeta. Cattedrale del Riciclo, Riscatta Piana, Catania.

simple words

I gabbiani dicono che la rovina di questo mondo sono i politici attuali. Il frumento ai salatini, il pesce al rifiuto. Mormorano gli scoiattoli, hanno svenduto l’intelletto d’amore, per qualche ciondolo fugace. Le farfalle affermano: questi individui sono servi della notte senza luna, del giorno senza sole. La natura tutta, dalle montagne ai mari, dai deserti alle stelle, abroga il pensiero debosciato di questa classe dirigente. Se solo questi personaggi investissero quello che hanno realizzato, in rimboschimento e salvaguardia del pianeta, allora potrebbero riavere un margine di credibilità. Aiutano i loro conti di appartenenza ad un pensiero preconfezionato non conforme al nuovo mondo.

mela arte involontaria
arte involontaria

Il vento chiede il pensiero del Dalai Lama, la pioggia ricorda Tiziano Terzani, la primavera chiede risveglio. Il pensiero si è deteriorato in quanto plastico, tutto diretto e indiretto alla politica che dovrebbe guidare, è oggi in giudizio. Le parole di domani non possono avere contenuti sterili come le odierne. Università, associazioni, partiti, fondazioni religiose e non, sono tenuti a rispettare un codice, un codice che esige rispetto. Troppa la mortificazione che ancora la natura riceve, da tutta questa apparente ricchezza, triste a dire, che la maggior povertà oggi si manifesta in pseudo intellettuali, che restano arruolati alle porte di una casa in decadenza. Scrivo quello che sento, e quello che sento non proviene da un dettato mirato a interessi individuali. In questo momento parlano di soldi, fondi, ecc. Questo è il primo inganno. L’uomo ha creato tutto ciò, il sistema sta cercando nonostante causi vittime giorno dopo giorno di arrancarsi il futuro, ma non può esistere un futuro con questa gestione. Deve cambiare tutto radicalmente. Sono cosciente di tutti gli orrori presenti, non accendo assolutissimamente la televisione. Chiuso a casa come tutti del resto, mi limito solo pochi minuti, ad uscire Mia che inizia a soffrirne. Ho paura del dopo, abbiamo una terra che potrebbe divenire sostentamento futuro. Lo so è una cosa folle, ma c’è rimasto davvero poco di normale, e non credo i piani attuali ci possano salvare, fateci provare, fateci rimboschire.