Archivio tag: involuntary art

old iron

Vado a prendere una bottiglia d’acqua e torno, sembra quasi non essermi accorto che l’azione fosse secondaria al chiamo, a quell’impulso che ti fa dimenticare la strada per portare a termine la missione, salvare una memoria, un trascorso che merita essere esposto. Un segnale stradale, tra i più usurati mai visti, era lì ad attendermi, capovolto, poggiato a terra chiamava soccorso, poteva divenire rifiuto. Supereroe è il suo nome, all’incrocio di quella strada, difronte la piscina comunale della playa avrà assistito a molte storie, fotografato molti particolari che fluttuano tra la sabbia di quel mare a pochi metri.

SUPEREROE
SUPEREROE

appeal

invisibile sentire
invisibile sentire

Vi prego di pensare che non sto promuovendo la mia arte, anche perché sono io ad appartenergli dopo così tanto tempo. Se vediamo pezzi di cadavere pubblicizzati come spuntino, se ci accorgiamo che in ogni palazzo ripetitori padroneggiano, il problema è uno. Il pensiero, la parola in seguito al boicottamento della verità, sono state saccheggiate, al punto di non ritrovarci più terra sotto i piedi, fare delle risorse rifiuto. Personalmente sono per il sole, ma ho paura a questo punto dell’inverno. P.S.: Scusate, a scuola non mi ritrovavo facilmente.